Stazione ferroviaria di Poschiavo

Ristrutturazione dal 2016 al 2019

Inaugurazione della stazione di Poschiavo: una festa per tutti
Terminato un cantiere durato tre anni, sabato 24 agosto la Ferrovia retica festeggerà la riapertura della rinnovata stazione di Poschiavo. Alla manifestazione è invitata tutta la popolazione, come pure un’ampia cerchia di interessati e simpatizzanti. Il programma prevede visite guidate dei nuovi spazi, che permetteranno anche di informarsi sui nuovi impianti. I visitatori avranno pure la possibilità di ammirare il parco macchine del Servizio ferroviario e le carrozze d’epoca dell’associazione mantello «historic RhB». Non mancheranno stand con cibi e bevande, aperti per tutta la giornata. I festeggiamenti prenderanno il via alle ore 9 e si concluderanno alle 16.

Venerdì 1° luglio 2016 è stato dato il primo solenne colpo di pala per il rinnovo della stazione di Poschiavo. Entro il 2019 sono state costruite nuove aree ferroviarie e per la clientela accessibili ai disabili e un nuovo punto d’appoggio per il servizio ferroviario. Il progetto prevedeva anche l’ampliamento del doppio binario Poschiavo – Val Varuna, come pure la costruzione di un impianto di scomposizione con binario d’incrocio. Per queste opere la Ferrovia retica ha investito 35,6 milioni di franchi.

Orientati al cliente e con uno sguardo al futuro
Al fine di garantire massima sicurezza e confort ai viaggiatori la stazione di Poschiavo è stata dotata di un ampio marciapiede rialzato, atto a facilitare l’accesso alle carrozze in osservanza delle direttive della legge sui disabili. Sono state rinnovate anche gli impianti ferroviari come i binari, la linea di contatto e l’impianto di sicurezza. L’ampliamento del doppio binario Poschiavo – Val Varuna a nord e il nuovo punto d’incrocio di «Pradei» a sud della stazione permettono di ottimizzare ulteriormente la griglia oraria sulla linea del Bernina. L’area di scomposizione prevista a «Pradei» consente inoltre di comporre i treni con carri merce in maniera moderna ed efficiente. Con il nuovo punto di appoggio per il servizio ferroviario, a lavori ultimati il Circondario ferroviario del Bernina disporrà di un impianto efficiente.